INTRODUZIONE

Un itinerario che permetterà di apprezzare le bellezze delle colline del Prosecco di Valdobbiadene, attraverso vigneti e strade sterrate isolate dal traffico.

Lungo questo percorso si potrà inoltre godere delle peculiarità caratteristiche del Quartier del Piave, visitando luoghi iconici quali l’eremo di San Gallo ed il santuario di Collagù.

Analizziamo nel dettaglio questa traccia, interamente concentrata in un territorio insignito della qualifica di patrimonio Unesco.

PERCORSO

Il punto d'inizio della navigazione è situato nella piazza principale di Pieve di Soligo, in prossimità di due comodi parcheggi.

La prima parte di tracciato sarà caratterizzata da chilometri di strade secondarie che condurranno direttamente all’abitato di Farra di Soligo, paese dove avrà inizio la salita verso l’Eremo di San Gallo.

Scalata la salita verso colle San Gallo la pedalata proseguirà in direzione Collagù dove, una volta giunti al centro dell’antico borgo di paese, si potrà ammirare la maestosità del santuario dedicato alla Beata Vergine.
Il panorama di cui si potrà godere dal santuario sarà incantevole, un vero e proprio balcone sulle colline del Prosecco.

Da Collagù a Valdobbiadene si pedalerà alternando comode strade bianche a ripidi tratti cementati. Il continuo alternarsi delle tipologie di terreno è tipico di quest’area particolarmente collinare.

Giunti a Valdobbiadene ci si collegherà alla “Strada Panoramica del Prosecco”, un must della zona ed un punto di riferimento per tutti gli appassionati di ciclismo e del buon vino.

L’ultima vera asperità di giornata, la salita che da Combai porta a località La Bella, non sarà altro che un lungo e tortuoso saliscendi sterrato che, per alcuni tratti, ricalcherà l’itinerario ciclistico delle Prealpi Trevigiane.

La parte finale del percorso sarà caratterizzata da un’insieme di scorci sui vigneti e rilassanti strade sterrate, lontane dal traffico ed immerse nella natura.

CONCLUSIONE

Questo itinerario risulta abbastanza impegnativo ed ideale per chi ama il mondo Gravel ma non vuole rinunciare al piacere di una pedalata con diversi spunti enogastronomici.

Nonostante la lunghezza totale del percorso non superi i 50 chilometri, il dislivello di poco superiore a 1000 metri rende questa traccia decisamente impegnativa. Quest’ultima è ideale per ciclisti allenati o appassionati dotati di bicicletta a pedalata assistita.

Data la superficie prevalentemente sterrata consigliamo di affrontare questi 50 chilometri con una bici di tipo Gravel piuttosto che MTB. Il percorso si presta perfettamente ad essere affrontato con una E-Bike dotata di ruote grasse.

Le fontane sparse lungo il percorso, i bar, i parcheggi vicini al punto di partenza ed i punti d’interesse saranno ben segnalati dai markers presenti nella sezione “Mostra su GMaps” all’interno del menù dedicato nella nostra app.

Se non avete la vostra bici a seguito o non possedete il ciclo-computer adatto alla fruizione del file GPX di navigazione non esitate a contattarci, vi metteremo a disposizione il nostro servizio di noleggio.

Vivere il territorio del Prosecco

I sentieri nascosti delle colline di Valdobbiadene, patrimonio Unesco

Difficoltà

Distanza

2 ore & 30 min.
50 km.